Il presente provvisorio
    
Share this book    
L’ultimo racconto della parentesi militare del capitano Alberto Aldobrandi si svolge a Genova, nel 1979. La colonna genovese delle Brigate Rosse ha appena compiuto un altro atto efferato, l’assassinio del sindacalista Guido Rossa, i vertici militari si aspettano altre azioni sanguinose ma il terrorismo comincia a perdere terreno e sentirsi isolato. Tutto parte da un invito a pranzo che Berto riceve dalla ragazza di Campo Pisano, la prostituta Teresa, che gli presenta un amico, un omosessuale che mostra timore e astio nei confronti delle Brigate Rosse. Berto non ha il tempo di approfondire, né pensa di doverlo fare, ma intanto una vecchietta che abita nel centro storico viene strangolata senza apparente motivo. È la nonna di Riccardo un altro amico di Teresa. Intanto, per quelle combinazioni fortuite che si incontrano soprattutto nei romanzi, il maresciallo Tito Salutini e la sua compagna Nella decidono di trascorre qualche giorno a Genova per visitare la città e allo stesso momento il professor Arturo Orsini e la moglie Clara, freschi sposi, decidono di concedersi un supplemento di luna di miele visitando la Liguria, facendo base a Genova. Berto trova per tutti alloggio in una pensione in Carignano, vicina alla foresteria dove lui abita, e nelle cene che presto diventano momenti conviviali si parla anche dei fatti delittuosi del momento. Perché intanto la stessa mano assassina uccide Teresa nella sua abitazione e due giorni dopo un’altra prostituta sulla scalinata che dalla collina di Carignano porta al centro città. Sinceramente afflitto per la perdita dell’amica, con l’aiuto dei vecchi compagni, Berto riesce a trovare il bandolo di una intricata matassa di rancori e vendette, ma la tristezza della solitudine lo porterà verso una scelta che cambierà la sua vita.
Show more