Gli zeri della funzione zeta di Riemann e il fenomeno di Lehmer
  
Share this book    
La parte reale e la parte immaginaria della famigerata ”funzione Zeta di Riemann”, opportunamente parametrizzate, costituiscono le equazioni orarie di una ipotetica particella che compie un moto piano. Ad ogni zero della funzione zeta corrisponde un passaggio per l'origine della particella nel riferimento cartesiano del predetto piano. Inizialmente, i passaggi sono ”quasi periodici”, ma tale ”quasi periodicità” viene distrutta a tempi lunghi, favorendo la comparsa del cosiddetto ”fenomeno di Lehmer”.

Marcello Colozzo, laureato in Fisica si occupa sin dal 2008 di didattica online di Matematica e Fisica attraverso il sito web Extra Byte dove vengono eseguite ”simulazioni” nell'ambiente di calcolo Mathematica.
Negli ultimi anni ha pubblicato vari articoli di fisica matematica e collabora con la rivista Elettronica Open Source.
Appassionato lettore di narrativa cyberpunk, ha provato ad eseguire una transizione verso lo stato di ”scrittore cyber”, pubblicando varie antologie di racconti.
Show more