Il naufragio del Titan
  
Share this book    
“Era la più grande imbarcazione e la più imponente delle opere degli uomini. Nella sua costruzione e manutenzione erano coinvolti tutti i settori scientifici, professionali e commerciali noti alla civiltà. Sul suo ponte c'erano ufficiali che, oltre a essere l’élite della marina reale britannica, avevano superato rigidi esami in tutti gli studi che riguardavano i venti, le maree, le correnti e la geografia del mare: non erano soltanto marinai, ma scienziati. Lo stesso standard professionale era stato applicato per la scelta del personale della sala macchine e per quello del reparto espressamente dedicato al comfort dei passeggeri simile, se non superiore, a quello di un hotel di prima classe...”
***
Eppure… il Titan, non arrivò mai nel porto di destinazione. Questo audiolibro racconta in maniera precisa e dettagliata tutti gli avvenimenti che condussero l’avveniristico piroscafo verso il suo tragico destino.
È una storia che sembra ispirata a ciò che accadde al transatlantico Titanic (ci sono incredibili similitudini che iniziano con i due nomi, continuano con altre sconvolgenti somiglianze e terminano poi, con lo stesso tragico tipo d’incidente), se non fosse per un piccolo particolare:
il racconto scritto da Robertson è stato pubblicato nel 1898 cioè, quattordici (14!) anni prima dell’affondamento del Titanic. Tuttavia, l’incidente è solo un pretesto per Robertson: lui voleva raccontare ben altro e con “Il naufragio del Titan” ci è riuscito perfettamente.

Ringraziamenti
Realizzare un audiolibro è sempre molto affascinante perché consente all’autore di dare “vita” alle parole; se poi si riesce ad aggiungere un sottofondo musicale, la narrazione decolla davvero e ogni cosa diventa molto più reale. Per “Il naufragio del Titan” ho avuto tanti amici che mi hanno concesso d’utilizzare la loro musica per il progetto che avevo in mente. È quindi giunto il momento di ringraziarli per la loro preziosa disponibilità:
per la “Prefazione”, EFlex Music;
per i “Capitoli I, II, III, IV, V, VI e X”, James Longley (jameslongley.com);
per i “Capitoli VII e XI”, Lena Orsa;
per il “Capitolo VIII”, TM Colors;
per il “Capitolo IX”, Andrew Kn e MSFX;
per il “Capitolo XII”, Edtijo;
per il “Capitolo XIII”, EFlex Music e Zac Nelson;
per il “Capitolo XIV”, Proxa Sound;
per il “Capitolo XV”, Alvers Music Production;
per il “Capitolo XVI”, A. Shamaluev.
Show more