Il romanzo di Renata di Francia
  
Share this book    
«Romanzo, questo? Nella misura in cui la parola “romanzo” allude a vicende umane avventurose, come quelle che Benedetto Croce incluse nelle sue “vite di avventure di fede e di passione”, senz’altro sì. Esistono, nelle letterature moderne, centinaia di romanzi tout court, di valore assai diseguale. È esistita la teoria manzoniana del romanzo storico. Questo lavoro non appartiene a quelle due categorie. Non è invenzione letteraria. È “romanzo” nel senso crociano di “vita”, come sono romanzi le crociane vite di Filippo di Fiandra o di Isabella di Morra. È “romanzo” in quanto lavoro di storia. E si potrebbe dire, parafrasando Amleto, che ci sono più cose fra cielo e terra di quante possano immaginarne i romanzieri». (A.R.)
Show more