Spinoza e L’Energia
  
Share this book    
Lo sforzo per capire l’origine e la motivazione delle proprie idee porta all’episteme, alla tradizione, alla favola e al sogno da cui sono discese le teorie e le credenze che vengono riesaminate, accettate o respinte. Affiora il concetto potente di esistenza, il rifiuto deciso del nulla, l’insoddisfazione nei confronti di un linguaggio scorretto, il monismo e l’immanentismo che porta a Spinoza e alla sua razionalità; ma l’aggiunta dell’Energia come terzo attributo della Sostanza conduce alla vitalità, fa uscire Spinoza dalla staticità e lo conduce all’anima vitale.

Questo lungo viaggio è raccontato da un monologo privo di punteggiatura che deve essere non solo letto, ma ascoltato come un brano recitato su un palcoscenico con una pergola come scenario e un Signore che ascolta e tace. Questa modalità espressiva è inusuale; l’Autore ha cercato di essere chiaro ma si scusa per l’eventuale disagio perché la lettura della prima parte può richiedere al lettore un certo impegno.

Il Magma fa parte della Mente, è il luogo virtuale dove ribollono i pensieri anarchici che affiorano alla coscienza e continuano a generare considerazioni che si legano per analogia; ma la Mente non si scinde, il monismo pervade anche l’uomo e ne caratterizza l’identità nella sua durata: Henri Bergson è il riferimento della seconda parte che esplora i confini che non possiamo superare e che inducono allo stupore e sollecitano l’intuizione che li supera senza che vi sia una risposta possibile come ritorno.

***RECENSIONI

“Umberto Carbonelli deve essersi divertito molto a scrivere questo libro. I suoi lettori vengono sfidati di continuo, costretti a rimanere vigili e attenti se non vogliono soccombere ai suoi attacchi di logica feroce e indiscriminata. Mi piace molto che un velista come lui veda nel vento alcunché di divino.”
Luigi Bacchiani

“Intuizioni e rigore accompagnano il lettore nella lettura del testo e lo assistono nello svilupparsi delle argomentazioni sempre fondate sul pensiero di autori di ogni tempo e di ogni corrente filosofica, reinterpretate con acutezza e originalità. La lettura di questo scritto porterà il lettore a confrontarsi con le proprie convinzioni alla luce di nuovi stimoli e di nuove prospettive di pensiero.”
Maria Teresa Invernizzi

***L’AUTORE

Umberto Carbonelli è un ingegnere industriale ottantenne che risiede a Roma da mezzo secolo; ma che vive spesso a Rimini, dove ha le radici e dove ha svolto gli studi classici.
Accanto all’attività professionale, ha dedicato molte energie allo sport all’aperto: molto sci e sci alpinismo durante i trenta, Kayak da torrente di cui è stato co-fondatore di un club (il Gruppo Canoe Roma tuttora in attività) e, da ultimo, dopo i cinquanta, la vela con la traversata atlantica dalle Bermude alle Azzorre (in due su una goletta di 19 tonnellate) e l’andirivieni Rimini-Croazia degli ultimi anni.
L’incontro con Spinoza è stato casuale, ma fino ad un certo punto. Quando si legge un filosofo, qualsiasi filosofo, si ripercorrono le tracce dei pensatori precedenti dei quali ci si fa un prima idea, perciò il volume che conteneva l’Etica e il Trattato, che giaceva sullo scaffale della libreria, è stato immediatamente ghermito. Lo sviluppo di questo gesto è il libro che viene oggi pubblicato.
Show more