Copertina del libro per Gente di Dublino

Gente di Dublino

Descrizione del libro

James Joyce fu uno dei più importanti scrittori del XX secolo e la sua raccolta di storie "Gente di Dublino", pubblicata nel 1914, fornisce un quadro realistico di come era la vita in Irlanda all'inizio del 1900. Alcuni dei personaggi che compaiono in "Gente di Dublino" saranno familiari ai lettori dell'altro capolavoro di Joyce, l’ "Ulisse".

"Gente di Dublino" è un'eccellente introduzione al lavoro di James Joyce, le cui altre opere sono stilisticamente e linguisticamente più complesse. Qui, la scrittura scorre e le storie sono facili da comprendere, senza perdere la voce magistrale dell'autore irlandese.

La raccolta comprende le seguenti 15 storie: "Le sorelle", "Un incontro", "Arabia", "Eveline", "Dopo la corsa", "I due galanti", "Pensione di famiglia", "Una piccola nube", "Rivalsa", "Polvere", "Un caso pietoso", "Il giorno dell'edera", "Una madre", "La grazia" e "I morti".

James Joyce (1882-1941) fu uno scrittore irlandese. È considerato una delle figure letterarie più importanti del XX secolo. Trascorse gran parte della sua vita all'estero, principalmente in Francia e Svizzera. Debuttò con la raccolta di poesie "Musica da camera" nel 1907, seguita dalla raccolta di racconti "Gente di Dublino" (1814) e dai romanzi: "Ritratto dell'artista da giovane" (1916), "Ulisse" (1922) e "La veglia per Finnegan" (1939). La sua opera più famosa è senza dubbio "Ulisse", una sorta di "Odissea" del XX secolo. Rimane ad oggi uno dei romanzi più innovativi nella storia della letteratura.