Raoul Wallenberg. La biografia
  
Share this book    
Con una introduzione di Kofi A. Annan

Raoul Wallenberg è uno dei più grandi eroi della Seconda guerra mondiale. Con il coraggio delle sue azioni a Budapest nei momenti più terribili dell’Olocausto egli salvò innumerevoli vite, perdendo infine la propria in circostanze mai definitivamente chiarite.
Nella primavera del 1944, in sole sette settimane, più di 400.000 ebrei ungheresi furono deportati incontrando morte sicura, la maggior parte di loro ad Auschwitz. A Budapest rimasero circa 250.000 ebrei, sotto la minaccia di un’uguale sorte. Wallenberg – un discendente della dinastia di banchieri svedesi e Inviato Speciale della Svezia – dimostrò un’audacia straordinaria e grande ingegno nel tentativo di salvarli, anche negli oscuri e cruenti ultimi mesi del 1944. Creò un sistema di passaporti protettivi e diede rifugio a migliaia di ebrei in case speciali all’interno del ghetto internazionale. Lavorando di concerto con un gruppo di collaboratori altrettanto abili, egli mise in campo una combinazione di astuzia, vigore e formidabili bluff per respingere e quando possibile fermare le predazioni e le violenze dei nazisti tedeschi e ungheresi. Quando la guerra volgeva al termine, Wallenberg si recò volontariamente a incontrare le truppe russe entrate a Budapest per discutere progetti di ricostruzione e questioni riguardanti il futuro della sconvolta comunità ebraica. Arrestato come spia, scomparve nei meandri del sistema sovietico, e non fece mai più ritorno a casa.
Sebbene nominato Cittadino Onorario degli Stati Uniti e celebrato come Giusto tra le Nazioni dal governo israeliano, le sue imprese sono poco note. Nella sua magistrale biografia, Ingrid Carlberg attinge a fonti rivelatorie per narrare la storia della vita eroica di Wallenberg e ricostruire con saggezza e sensibilità la verità sulla sua morte misteriosa.
Show more